Cosa portare per un Trek da due giorni

Cosa portare per un Trek da due giorni? Semplice: il meno possibile perché lo zaino sulle spalle pesa!

Potrei chiudere l’articolo con questa autentica perla di saggezza, ma oggi mi sento particolarmente buono e vi voglio dare qualche piccolo consiglio.

Partiamo dal presupposto che non esiste uno zaino standard in grado di soddisfare ogni tipo di esigenza; dipende molto dalla stagione, dal meteo, dal luogo e dal tipo di pernottamento previsto.
Quanto appena detto vi sembrerà banale, ma non bisogna sottovalutare che si tende sempre a portare delle cose che non vengono utilizzate e che possono rendere l’escursione più faticosa del dovuto (senza dimenticare che il peso ideale di uno zaino dovrebbe essere intorno al 10% del nostro peso).

Come primo articolo di questa rubrica, vorrei soffermarmi sul più classico degli scenari: un trek da due giorni, in estate, con pernottamento presso un rifugio.

 

Abbigliamento da Trekking

Ragazzi… ve lo dico con il cuore in mano: niente Jeans e Polo. Ogni volta che affronto un trekking, trovo sempre qualcuno con un bel paio di Jeans indosso e, per ciascuna di quelle volte, penso che il cilicio sia un’alternativa da preferire. Come si può salire con la mobilità ridotta del 50% e con una temperatura media dell’interno coscia di 45°C??
Sul serio ragazzi: fatemi un favore personale e andate al Decathlon! Con 10 € (15 se volete fare i signori) vi portate a casa una maglietta tecnica e un paio di pantaloncini umani (addirittura con le cerniere per le tasche). Oppure usate i pantaloncini che indossate per giocare a calcetto e la maglietta della Sagra del Cinghiale 2004, ma NON I JEANS E LA POLO!

Dopo questa doverosa e sobria prefazione, ipotizzando di indossare una maglietta tecnica/normale, un paio di pantaloncini corti e ovviamente gli scarponi da montagna, nello zaino dovremmo infilare:

  • una maglietta tecnica/normale per il secondo giorno (che può servire anche da pigiama);
  • un paio di pantaloni da trekking lunghi da utilizzare durante la serata ed eventualmente durante il trek se preferite (p.s. se mentre stai leggendo l’articolo hai in mano un paio di Jeans e sei ancora convinto che potranno tornarti utili, premi ALT+F4);
  • un paio di mutande di ricambio;
  • un paio di calzini di ricambio (anche uno in più se vi sentite più tranquilli, è importantissimo evitare vesciche);
  • un pile o una felpa in caso facesse freddo (e per la sera in rifugio);
  • un giubbotto con/senza imbottitura a vostra scelta (meglio se impermeabile così non si porta il K-way);
  • K-Way o mantellina anti pioggia;
  • ciabatte (comode sia per la sera in rifugio che per la doccia se volete proteggere i vostri piedi).

 

Area bagno

In un rifugio le docce sono sempre calde e funzionanti, ma non siamo in un albergo! Ricordatevi dunque di portare:

  • asciugamano grande in microfibra (asciuga in fretta ed è leggerissimo);
  • kit portatile per pulizia denti;
  • shampoo/sapone (l’ideale sarebbero le bustine che spesso troviamo negli alberghi).

 

Cibi e bevande

Una buona regola durante un’escursione, come per qualsiasi tipo di attività fisica, è mantenere il proprio corpo in forze. Ognuno di noi ha caratteristiche ed esigenze differenti, ma ci sono alcune regole basilari che valgono per tutti.
Il nostro zaino dovrebbe contenere almeno 1,5/2 litri di acqua o di una qualsiasi bevanda in grado di reintegrare i sali minerali persi durante lo sforzo (il Gatorade per esempio). La birra sarebbe l’ideale, ma personalmente attenderei l’arrivo presso il rifugio (evitate le bibite durante la salita).

Per quanto riguarda il cibo, anche in questo caso dipende molto dalle esigenze di ognuno. Durante la salita sarebbe consigliabile evitare la parmigiana di melanzane o la peperonata; tenetevi piuttosto qualche panino leggero o qualche piccolo snack nutriente da consumare circa ogni ora di cammino. Io, per esempio, porto sempre:

  • frutta di stagione e frutta secca (è una bomba, anche se non vi dà sensazione di sazietà);
  • cioccolato;
  • due/tre panini con affettato o formaggio;
  • qualche barretta proteica (non amminoacidi eh… quelle barrette che si trovano anche nei supermercati);
  • qualche bustina di zucchero.

 

Varie ed eventuali

  • occhiali da sole (ed eventualmente da vista);
  • coprizaino;
  • racchette se le utilizzate;
  • cappello (a discrezione vostra);
  • crema solare (a discrezione vostra);
  • frontale/pila;
  • macchina fotografica;
  • bussola e cartina della zona (direi INDISPENSABILI);
  • lacci di scorta per scarponi in caso di rottura (io li lascio sempre nello zaino);
  • fischietto (in casi estremi vi può salvare la vita);
  • documenti e tessera del CAI per eventuali sconti (se l’avete ovviamente);
  • denaro per pernottamento e birrette;
  • telefono cellulare con eventuale caricatore o power cell (anche se non lo userete mai perché vi godrete il paesaggio);
  • tappi per le orecchie se avete il sonno leggero;
  • cerotti per vesciche o medicinali vari (secondo il personale stato di salute di ognuno);
  • fazzoletti di carta;
  • tagliaunghie (per me è fondamentale per sistemare unghie dei piedi dolenti).

 

Cosa NON portare

Quello che vi ho elencato è più che sufficiente per vivere due giorni in un rifugio di montagna. Forse è anche troppo, ma come ho già sottolineato, è solo una linea guida e molto dipende dalle esigenze di ciascuna persona.
Se preferite cambiarvi le calze ogni due ore, portatevi qualche paio in più!
Se sapete che finirete i 2 litri di acqua dopo 600 metri di cammino, portatevi una scorta più ampia!
Se preferite camminare indossando i Jeans, NON TORNATE MAI PIU’ SU QUESTO SITO! Scherzo dai.. 😉

Con questo mi scarico di ogni responsabilità! 😀

Posso comunque dire che alcune cose non sono strettamente necessarie e possono rimanere nel baule della nostra auto. Una su tutte è il sacco a pelo! Solitamente i rifugi vi forniscono un sacco lenzuolo usa e getta con delle coperte. Per questo, se non avete spazio nello zaino o se preferite stare leggeri, provate a informarvi presso il rifugista e usate ciò che vi mette a disposizione.

Personalmente, fra le cose che non porterei, c’è anche un paio di scarpe aggiuntivo. Non ne avete bisogno! Pesano tantissimo e non le userete praticamente mai.

Spero di essere stato utile con questo elenco di consigli più o meno stupidi. Sono certo che mi stia sfuggendo qualcosa di importantissimo, ma confido nei vostri pronti commenti e suggerimenti!
Voglio ricordare che questo elenco non è la Bibbia, ma ha il solo scopo di aiutare a non dimenticare alcune cose in fase di preparazione dello zaino (una sorta di elenco da spuntare).

Buona camminata!

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *