Itinerario West Coast: 20 giorni “Per un pugno di Dollari”

Quattro ingredienti base per gustarsi al massimo il mito dell’Ovest Americano: un fuoristrada, un cappello da mandriano, carne secca da masticare e un cd di Ennio Morricone (sarebbe consigliabile un cavallo al posto del fuoristrada, ma potreste avere dei problemi con l’ascolto del cd).

Gli Stati Uniti, e la West Coast in particolare, sono il luogo ideale per intraprendere il classico viaggio On The Road. Spazi immensi e desolati, meraviglie della natura e gigantesche metropoli, si mescolano alla perfezione formando il viaggio perfetto!

Personalmente, penso che venti giorni siano davvero troppo pochi per vedere tutto ciò che gli stati dell’Ovest hanno da offrire, ma forse non basterebbero nemmeno sei mesi e prima o poi bisogna pur tornare al lavoro. Con il senno di poi, infatti, io e il mio compagno di viaggio ci siamo resi conto di aver disegnato un itinerario troppo “intenso” e di aver dedicato poco tempo a luoghi che avrebbero meritato una sosta di almeno una settimana (come il Grand Canyon per esempio).

L’idea di viaggio iniziale, infatti, comprendeva solamente il giro della California con una breve sosta a Las Vegas prima di entrare nel Parco della Death Valley ma, mappa alla mano ed entusiasmo alle stelle, i discorsi che sono scaturiti in fase di programmazione sono stati più o meno questi:

A – “Oh, ma da Las Vegas ci sono 250 miglia di distanza dal Grand Canyon! Si va?”
P – “Bè chiaro, se poi non tornassimo più negli Stati Uniti? Quando ci ricapita?”
A – “Andata, non è un giorno che fa la differenza e comunque non è buttato… è il Grand Canyon! Ma poi torniamo a Las Vegas?”
P – “Mmmm rifare la stessa strada non mi sembra un’ottima idea… ma c’è la Monument Valley a 170 miglia! Sono appena tre ore di auto, no??”
A – “Ho capito, preparo il CD di Ennio…”

E il discorso proseguì, con l’aggiunta di Page, del Bryce Canyon e dello Zion National Park. Forse troppo, lo ammetto… ma ne è valsa davvero la pena! E poi, sarebbe immorale non visitare luoghi come quelli appena citati, trovandosi solamente a qualche ora di auto; abbiamo fatto le corse, ma lo rifarei (e sono convinto che tornerò).

Dopo questa “brevissima” introduzione, ecco qui l’itinerario completo! Con questo articolo, voglio solamente elencare i luoghi che secondo me meritano una visita e che sono da tenere in considerazione in fase di pianificazione. Per ulteriori consigli o dettagli, rimando ai vari link per ciascuno dei luoghi visitati.

Durata viaggio: 20 giorni (dal 04 al 23 Agosto di cui uno a Londra e quasi due di aereo)
Km percorsi: 6.500 circa a bordo del nostro fedelissimo FORD ESCAPE (deceduto in corso di viaggio…)
Stati attraversati: California, Arizona, Utah, Nevada

Giorno 1 – Arrivo a San Diego
– Camera del Motel

Giorno 2 – San Diego
– San Diego Zoo: uno dei più famosi al mondo, soprattutto per la presenza dei Panda;
Fort Rosecrans National Cemetery (cimitero militare federale): mette il magone, soprattutto al tramonto.

Giorno 3 – San Diego to Phoenix (600 Km)
– Cabrillo National Monument: si gode di una vista unica sulla città e sulla base militare;
– USS Midway Museum: la celebre portaerei dismessa e trasformata in museo;
Road to Phoenix.

Giorno 4 – Sedona & Grand Canyon (370 Km)
– Montezuma Castle;
Sedona National Park;
– Tramonto al Grand Canyon National Park
.

Tips: è fondamentale trovare alloggio presso il Grand Canyon Village (ossia all’interno del Parco, a poche decine di metri dal bordo, per godersi alba e tramonto). Gli alberghi fuori dal parco, infatti, distano più di 100 km e hanno la stessa tariffa.

Giorno 5 – Road to Page (560 Km)
– Alba al Grand Canyon National Park (con sveglia alle 4:00);
Monument Valley: giro all’interno del parco con proprio mezzo della durata di 3 ore;
– Arrivo a Page
.

Giorno 6 – Road to Bryce Canyon National Park (250 Km)
– Upper Antelope Canyon Tour;
Horseshoe Bend;
– Lower Antelope Canyon Tour
: si scende per una trentina di metri in un canyon strettissimo ma spettacolare;
Arrivo a Bryce Canyon.

Itinerario West Coast on the Road - Page - Horseshoe Bend

USA West Coast – Page – Horseshoe Bend

Giorno 7 – Road to Las Vegas (400 Km)
– Bryce Canyon National Park: giro dei vari punti panoramici (peccato non aver fatto un po’ di trekking);
Zion National Park: sottovalutato e non in programma, è stato un vero peccato non averlo visitato a fondo;
– Las Vegas
Hotel Excalibur.

Giorno 8 – Death Valley Junction (140 Km)
– Las Vegas;
Amargosa Opera House: un posto incredibile dove dormire nella Valley (il tempo si è fermato agli anni 50).

Tips: l’Amargosa Opera House è assolutamente da vivere e vedere, non solo per l’assurdità del luogo ma anche perchè è l’unico posto nel raggio di decine di Km dove poter dormire a ridosso della Death Valley. Pernottando qui, è possibile svegliarsi all’alba e visitare la Valle evitando il caldo eccessivo del primo pomeriggio. Da prenotare con largo anticipo.

Giorno 9 – Road to Mono Lake (410 Km)
– Death Valley: visita ai punti di maggior interesse tra i quali Zabriskie Point, Badwater, Furnace Creek;
Mono Lake.

Giorno 10 – Yosemite National Park (250 Km)
– Bodie Ghost Town;
Tioga Pass;
– Yosemite National Park: 
tramonto al Glacier Point con vista sull’Half Dome.

USA West Coast - Yosemite - Vernal Falls

USA West Coast – Yosemite – Vernal Falls

Giorno 11 – Yosemite National Park
– Trekking Vernal & Nevada Falls.

Giorno 12 – Road to San Francisco (500 Km)
– Wawona Giant Sequoia: stupenda passeggiata fra alcune delle piante più grandi del mondo (o della Luna di Endor per gli amanti di Star Wars);
Fresno:
tappa forzata per cambio auto… da registrare il decesso dell’amato Ford Escape;
San Francisco.

Giorno 13 – San Francisco
– Chinatown, Little Italy & Coit Tower;
– Golden Gate Bridge
;
– Pier 39 con cena al Bubba Gump.

Giorno 14 – San Francisco
– Pier 39;
– Visita Notturna ad Alcatraz
;
– Ultima corsa sul Cable Car.

Tips: la visita alla celebre prigione è stupenda e per apprezzarla al massimo vi consiglio di fare il tour notturno. Vedere la prigione al buio, con le luci della baia in lontananza, è qualcosa di unico. Unica raccomandazione: prenotare con mesi di anticipo! Vi giuro che il bigliettaio mi abbracciò quando scoprì che avevo una prenotazione valida, acquistata mesi prima (ricevono decine di richieste al giorno).

Giorno 15 – Big Sur (390 Km)
– Big Sur verso Morro Bay.

Giorno 16 – Los Angeles (320 Km)
– Lyon Estates (solo per gli appassionati di Ritorno al Futuro);
Hollywood e Walk of Fame.

Giorno 17 – Los Angeles Universal Studios
– Hollywood Universal Studios: assolutamente da vedere, sono divertentissimi. Non fatevi intimorire dal costo!

USA West Coast - Hollywood Universal Studios - La Guerra dei Mondi

USA West Coast – Hollywood Universal Studios – La Guerra dei Mondi

Giorno 18 – Los Angeles
– Santa Monica & Venice Beach

Come potete vedere, i luoghi da visitare sono davvero tansissimi e tutti di una bellezza infinita. Devo ammetterlo, abbiamo passato molto tempo in auto (forse troppo), ma è quasi inevitabile in quanto è difficile rinunciare a qualche meta in particolare.
In base ai gusti di ciascuno, il consiglio che mi sento di dare è quello di lasciar perdere la Costa Pacifica e di limitare la permanenza a Los Angeles. Personalmente, dato che abbiamo percorso gli 800 km di Big Sur immersi nella nebbia e dato che Los Angeles non ha molto da offrire, avrei preferito investire un giorno in più sul Grand Canyon e gli altri due sui vari parchi che abbiamo attraversato (come Zion, Bryce o la Monument).

Un altro consiglio che vorrei darvi è quello di effettuare il tour in senso orario. Lo dico in quanto credo che la prima parte di viaggio del mio itinerario sia molto più “scenografica” rispetto alla Death Valley e alle metropoli. Il costante colore rosso che dipinge i paesaggi di Arizona e Utah vi colpirà talmente tanto che tutto quello che vedrete successivamente non potrà competere (questo è un mio pensiero personale).

Ce ne sarebbero ancora a centinaia di cose da scrivere, ma mi sono già dilungato troppo. Per altri suggerimenti o approfondimenti rimando agli articoli dedicati ai luoghi visitati. Nel frattempo, per richieste, domande o consigli, non esitate a contattarmi tramite email (con il form qui sotto) o attraverso le mie pagine social.

2 Responses

  1. SPETTACOLARE! Spero di riuscire presto a fare un viaggio del genere 🙂
    Ma in che senso l’auto è DECEDUTA?! XD come avete fatto poi??

    • Angelo Maglio ha detto:

      Ciao Diletta!
      A San Diego ci avevano assegnato un auto non controllata e non tagliandata (noi non potevamo saperlo ovviamente). Così, dopo due settimane, nal parco dello Yosemite, ci siamo accorti che era finito l’olio del motore.
      A quel punto, dopo una decina di telefonate al call center della Dollar, ci hanno detto di recarci con molta calma e cautela presso il loro punto noleggio più vicino… a Fresno!
      Si poteva tranquillamente risolvere il tutto con un cambio olio in autonomia, ma i benzinai si sono rifiutati di farlo in quanto l’auto era a noleggio e la stessa operatrice ci ha vietato di farlo per non incorrere in sanzioni da parte della compagnia. Troppo fiscali! 😀
      Alla fine sono stati gentilissimi e ci hanno sostituito l’auto, ma abbiamo perso mezza giornata…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *