Category: Cosa portare …

Se vi dicessi RESFEBER, cosa vi verrebbe in mente?

Tempo fa ho scoperto che il termine, di origine scandinava, viene utilizzato per indicare quel sentimento di irrequietezza che si ha prima di partire per un viaggio, quando ansia e aspettativa si uniscono.
Tutto bellissimo ed estremamente poetico, ma vale per ognuno di noi? Personalmente mi piace dare una mia interpretazione alla parola in oggetto; come se fosse una delle tante imprecazioni che scorrono a fiumi quando panico e rabbia si fondono, nello scoprire che non ci sta tutto nello zaino (o nella valigia).

Il giorno prima di ogni partenza, infatti, vengo letteralmente assalito dall’ansia e tendo sempre a preparare più cose del necessario (il che non è ottimale se dobbiamo affrontare un trekking a tappe). Anche se questo mio atteggiamento mi ha sempre aiutato a non dimenticare nulla di particolarmente importante, devo dire che il mio modo di vivere la partenza deve essere un pochino rivisto (almeno per limitarne l'ansia).

Dopo diversi viaggi, decine di bagagli preparati, imprecazioni e capelli strappati, ho trovato un personalissimo metodo per affrontare con serenità questa ardua prova.
Nulla, infatti, va lasciato al caso! Bisogna seguire un rituale specifico e preciso, come se stessimo preparando il tiramisù, se vogliamo sfuggire al Teorema delle Mutande. Non ne avete mai sentito parlare?? Il Teorema, scientificamente provato, dice più o meno questo: "Dato il numero di giorni di viaggio X e il numero di mutande preparate Y, considerando X = Y (ovvero numero di mutande pari al numero di giorni previsti) il numero di mutande effettivamente portate sarà SEMPRE Y-1 (SEMPRE!!!)"
Non so se questo problema affligge anche voi, ma personalmente mi sono sempre e matematicamente ritrovato con un paio di mutande in meno rispetto al previsto (il Teorema vale nei viaggi di pochi giorni, dove non è previsto il lavaggio della biancheria).

Per sfuggire al Teorema, di conseguenza, cerco di preparare il mio bagaglio immaginandomi il corso di ogni singola giornata... dal risveglio mattutino al lavaggio denti prima di andare a letto, dal momento della partenza fino all'ultima sera.
Sì, lo so... è un metodo stupido, ma entro i 4-5 giorni di viaggio funziona e, in attesa di perfezionamenti, continuerò ad utilizzarlo!

Per concludere, RESFEBER è il punto di partenza di questa rubrica che punta a darvi dei consigli, per diverse circostanze di viaggio, e che ha il principale obiettivo di eliminare dal mio PC i vari file denominati: "Lista Vacanze", "Lista Trekking", "Lista trekking a tappe", ecc...

Mai come in questa rubrica i consigli sono ben accetti! #RESFEBER